Cadavere in oristanese, è donna svizzera

E' di una cittadina svizzera, Erika Wissmann, 57 anni, nota Sophia, il cadavere rinvenuto la sera del 19 aprile scorso sulla battigia della spiaggia di Aba Rossa, nel comune di Santa Giusta, sulla costa centro occidentale della Sardegna. La donna è stata identificata grazie alle indagini svolte dai Carabinieri della Compagnia di Oristano. Di lei si sa che abitava da sola in una borgata marina di Cuglieri, Torre del Pozzo, una quarantina di chilometri più a nord del punto in cui è stato rinvenuto il corpo. Viveva lì con una piccola pensione e faceva volontariato nel campo dell'assistenza sociale. In Svizzera aveva solo la madre, che ora è attesa per il riconoscimento ufficiale. Restano ancora misteriose le cause e le circostanze della morte. I primi accertamenti autoptici disposti dalla Procura della Repubblica di Oristano lasciano aperte tutte le ipotesi, comprese quelle di un malore mentre passeggiava sulla spiaggia o faceva il bagno, di un suicidio e, meno probabile, anche di un omicidio. Al momento del ritrovamento la donna, che comunque non presentava segni di violenza sul corpo, indossava un costume da bagno ma ancora non si sa come e quando sia arrivata sulla spiaggia di Aba Rossa. Sul posto, nonostante le accurate ricerche dei Carabinieri, non è stato ritrovato alcun effetto personale della vittima. (ANSA).

Altre notizie

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

Magomadas

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...